Fattore intrinseco di Castle: la sua funzione gastrica

Comment

Approfondimenti

Fattore intrinseco di Castle: la sua funzione gastrica

La secrezione del fattore intrinseco di Castle (o fattore gastrico antipernicioso) è una funzione gastrica fondamentale per l’uomo in quanto favorisce l’assorbimento del ferro e della vitamina B12 prendendo anche parte alla digestione delle proteine. Il fattore antipernicioso gastrico si coniuga con la vitamina B12, che viene introdotta per via orale  attraverso il cibo, creando un complesso che  inibisce la distruzione della vitamina e che allo stesso tempo favorisce il suo corretto assorbimento a livello dell’ileo terminale, per consentire in seguito il suo passaggio verso il midollo osseo dove svolge una fondamnetale azione antianemica. Tra le condizioni che possono provocare la carenza di questa glicoproteina, sintetizzata dalle cellule parietali della mucosa del fondo e del corpo dello stomaco, bisogna segnalare l’alcolismo, episodi di gastriti, danni alla mucosa gastrica. Il fattore intrinseco di Castle, prodotto dalle cellule parietali delle ghiandole ossintiche, può subire delle carenze in caso di perdita delle cellule che lo secernono, causata da processi autoimmuni, si determina in questo modo la comparsa dell’anemia perniciosa da ascrivere ad un deficit di vitamina B12, un difetto di maturazione dei blasti nel midollo ematopoietico.

Trattamento farmacologico

fattore intrinseco di Castle

Nell’anemia perniciosa, l’organismo produce anticorpi contro le cellule parietali e/o il fattore intrinseco, compromettendo il processo di assorbimento della vitamina B12; la carenza di vitamina B12 può causare anemia megaloblastica, caratterizzata da cellule ipertrofiche, turnover dei globuli rossi più rapido e scarso sviluppo nucleare; si può registrare un deficit di fattore intrinseco anche nella gastrite atrofica come conseguenza del danno a carico delle cellule parietali; questo tipo di alterazione si riscontra nei pazienti che hanno subìto un intervento di chirurgia bariatrica. I soggetti con deficit oppure con assenza di fattore intrinseco vengono sottoposti ad un trattamento farmacologico a base di iniezioni mensili o trimestrali di vitamina B12, in alcuni casi viene prescritta la somministrazione quotidiana di alte dosi di cianocoballamina per via orale in quanto una piccola quota viene assorbita per trasporto passivo anche in assenza del fattore intrinseco.

I contenuti presenti su questo articolo hanno carattere informativo e non si sostituiscono in nessun modo a valutazioni di medici, dietisti o nutrizionisti specializzati o a terapie in atto. Ricordate sempre prima di assumere medicinali o prodotti di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni inserite in questo articolo devono considerarsi di tipo culturale ed informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.